ALIENANTE


Vai ai contenuti

Menu principale:


Pillole Cinematografiche di Alienante

Micro-recensioni a cura di
Matteo Palmieri

Alien (1979)

Capolavoro del nuovo cinema horror-fantascientifico. L'idea che una specie aliena usi il nostro corpo umano per la proliferazione non è nuova (L'invasione degli Ultracorpi), ma alcune fantastiche scene rimangono indelebili e creano terrore ancora oggi a distanza di quasi 40 anni. Alien ha lanciato l'attrice Sigourney Weaver e ha avuto tre sequel e due prequel. (Matteo)


Contagion (2011)

Un virus altamente infettivo con velocità impensabile infetta il Mondo intero. Sarà l'inizio di panico, irresponsabilità civile e infine morte per milioni di persone. Il regista Steven Soderbergh affronta con incredibile rigore questo Disaster-Movie e riesce ad unire il classico prodotto commerciale con l'impegno sociale. Nel finale viene mostrato l'inizio della fine...una vera stilettata al cuore !! (Matteo)


Dracula 3D (2012)

Una pellicola imbarazzante....lontana anni luce dalle sue opere migliori. Il Dracula di Dario Argento purtroppo rappresenta il meglio del peggio del cinema horror-trash: sceneggiatura tiratissima (con qualche inutile variazione al Dracula di Bram Stoker), pessimi dialoghi ed effetti speciali digitali realizzati male che sembrano stati creati con computer di 10 anni fa. L'unico punto positivo della pellicola è affidato alla recitazione, ma anche qui rovinata dalla pessima dizione di alcuni attori. (Matteo)


Fallen (2016)

Brutta pellicola fantasy fuori tempo che cerca invano di attirare il pubblico dell'universo teen del più noto Twilight. Tratto dal bestseller di Lauren Kate ha una regia anonima, attori antipatici, effetti speciali molto poco speciali che lo sprofondano nella noia più estrema... (Matteo)



Independence Day - Rigenerazione (2016)

Una piacevole sorpresa da Roland Emmerich per questo capitolo vent'anni dopo il suo grandissimo successo mondiale. Spettacolare e sicuramente superiore al primo film si segnala anche per una donna presidente degli Stati Uniti e per alcune frecciatine al costante dominio della Cina con la propria forza economica. (Matteo)


La Bella e la Bestia (2017)

Insopportabile remake in live action del classico Disney. I troppi numeri musicali, le canzoncine e amenità varie non fanno che annoiare lo spettatore medio. Troppo mieloso da sopportare anche per i bambini....Molto più riuscita la versione francese diretta da Christophe Gans...più trasgressiva e più virata nel dark. (Matteo)


La Notte ha divorato il Mondo (2018)

Quanti film hanno mostrato l'apocalisse in Terra con un'epidemia che trasforma gli umani in zombie o infetti cannibali ? Tanti, ma il film di Dominique Rocher va oltre e non si abbandona a facili spettacolarizzazioni con il solito ampio uso di effetti splatter ma realizza una pellicola di genere molto oltre le aspettative. Una vera riflessione filmica sulla vera solitudine umana che può trasformarsi in follia. Se cercate sangue, squartamenti e ritmo indiavolato...non fa per voi !! (Matteo)



Light of My Life (2019)

Imbarazzante e noiosissimo Disaster Movie dell'attore Casey Affleck al suo esordio registico. In quasi due ore si assiste stremati e con la voglia di fermarsi ad una minima distrazione ad una pellicola prolissa, senza verve e con pochissimi elementi spettacolari di richiamo come invece dovrebbe mostrare in un tale genere di pellicola. Molto spazio (forse troppo) alla recitazione che nonostante le buone intenzioni stimolano più il sonno che l'approfondimento del messaggio sociopolitico del regista. (Matteo)



Midsommar - Il Villaggio dei Dannati (2019)

Ari Aster ci regala un cult assoluto e uno dei migliori horror di questi ultimi anni. Affronta con uno stile lento ma coinvolgente e ipnotico il satanismo e lo spiritismo e ci fa scoprire una Svezia rurale estremamente solare (tutto il villaggio e abitato da persone vestite di bianco) ma anche un paganesimo ancestrale terrificante che pericolosamente esiste nella realtà della Scandinavia. (Matteo)



Mondo cannibale (2003)

Film direct-to-video del regista Bruno Mattei (Vincent Dawn), girato in stile soap opera nelle Filippine è ispirato al film cult Cannibal Holocaust. Lo splatter c'è ma tutto il resto provoca solo sbadigli e risatine nervose. Mattei girò contemporaneamente Mondo cannibale e Nella terra dei Cannibali, sempre con lo stesso cast artistico di attori e troupe...(Matteo)

Nazi Overlord (2018)

La casa di distribuzione statunitense Asylum colpisce ancora e in questa scopiazzatura di Overlord raggiunge il massimo delirio !!! Anche qui una squadra di soldati proveniente dal D-Day (a proposito la famosa e colossale battaglia viene rappresentata con 5 soldati....ahahah), dovrà sgominare il piano folle di una dottoressa con i suoi orribili esperimenti. Popcorn, bibita e tanta benevolenza per le troppe stupidate filmate...comunque il divertimento è assicurato !! (Matteo)



Raw (2016)

Raw, il film Franco/Belga di Julia Ducournau è una vera piacevole sorpresa horror e ha generato mille polemiche.
La sedicenne Justine proveniente da una famiglia di vegetariani scopre di avere una voracità ferina incontrollabile che la trascina al cannibalismo...Premiato in molti Festival, tra cui Cannes, Londra, Sitges. (Matteo)



Scappa - Get Out (2017)

Molto interessante questa pellicola alla "Indovina chi viene a cena" con risvolti thriller e horror. Il regista/attore Jordan Peele al suo esordio ci trascina in un intrigante film di suspence e di feroce satira sul razzismo onnipresente nella società americana. Grande successo in U.S.A. (Matteo)



Star Wars - L'Ascesa di Skywalker (2019)

L'ultimo capitolo della saga che ha attraversato oltre 40 anni della nostra vita si conclude con un spettacolare ritorno alle origini.. Forse per mancanza di coraggio si preferisce tornare alla frenesia dei primi tre capitoli, con qualche buco di sceneggiatura e tanti effetti speciali. Lo spettacolo è garantito e anche qualche brivido e lacrimuccia. Sicuramente il migliore della nuova trilogia Disney e forse con gli anni diventerà un cult. (Matteo)



The Blair Witch Project (1999)

Un bruttissimo e per niente spaventoso horror che ha lanciato con vigore il genere mockumentary horror (anche se il meglio si era già visto in Cannibal Holocaust). Il film costato 60 mila dollari ha incassato 240 milioni nel mondo e ha dato il via a questo inutile genere found-footage, rigorosamente con visuale in prima persona. Con due sequel. (Matteo)


Thor: Ragnarok (2017)

Thor: Ragnarok è il terzo è più riuscito capitolo della saga Marvel. Nella divertente e spettacolare pellicola avviene di tutto e ancora di più....al punto che l'intervallo al cinema serve per far riposare gli occhi quasi ipnotizzati. L'atmosfera retro anni ‘80, i diversi personaggi riuscitissimi e una sorprendente autoironia fanno di questa pellicola il massimo dell'intrattenimento....e poi vedere Thor "prenderle" da tutti è uno spasso !! (Matteo)


Tusk (2014)

Dal visionario e trasgressivo regista Kevin Smith non ci si poteva aspettare di più: un potente e disturbante horror grottesco che esplora la follia umana. Un film sul filone "Centipede" ma decisamente più intrigante e morboso e recitato in modo perfetto da eccezionali attori tra cui un Johnny Depp della Sûreté del Québec che imita in modo geniale l'Ispettore Clouseau. Un film decisamente non per tutti che miscela con estrema intelligenza scene raccapriccianti e momenti di puro sarcasmo. (Matteo)



Un lupo mannaro americano a Londra (1981)

Il perfetto mix tra horror e commedia che John landis ci ha regalato e che non ritroverà mai più in altre sue pellicole successive. Gli effetti speciali curati da Rick Baker vennero premiati con un premio Oscar al miglior trucco. Seguito nel 1997 da un'imbarazzante Un lupo mannaro americano a Parigi. (Matteo)


Viral (2016)

Non male questo Viral, parte lento ma poi prosegue con sempre più crescente tensione fino ad arrivare a puro terrore !! Siamo nel genere super-sfruttato (contagio/28 giorni)....ma ha una sua originalità. Infatti risulta vincente l'idea dei parassiti vermiformi che si introducono nella nuca e trasformano le persone in zombi... (Matteo)


Wildwitch – Il mondo selvatico (2018)

Il film Danese Wildwitch diretto da Kaspar Munk è tratto dall’omonima serie di libri per ragazzi. Purtroppo si assiste con gran fatica e molta noia all'addestramento della ragazzina protagonista e alla sua consapevole fierezza di essere la Strega che dovrà difendere il nostro Mondo dalle forze oscure. Pochissimi effetti speciali, dialoghi molto semplici e il solito tema portante discutibile nei paesi scandinavi dove l'esoterismo e la Natura sono un'energia unica. (Matteo)



Torna ai contenuti | Torna al menu